#PINKPARADE

Tre passi avanti per la prevenzione

Con il sostegno a “Pink is Good”, PittaRosso intraprende un cammino accanto alle donne. 
Data di pubblicazione
05 agosto 2016
Con il sostegno a “Pink is Good”, progetto Fondazione Umberto Veronesi a favore della ricerca contro il tumore al seno, PittaRosso intraprende un cammino accanto alle donne. La ricerca scientifica ha compiuto passi da gigante negli ultimi anni: oggi, infatti, guarisce oltre il 90% delle donne a cui viene diagnosticato il tumore in fase iniziale. In questa costante lotta, la prevenzione svolge un ruolo fondamentale: grazie ad alcune semplici abitudini quotidiane possiamo avvalerci di una piccola corazza che ci aiuterà nel prevenire la formazione del tumore al seno.

Alimentazione
Come per tutto ciò che concerne il corpo umano, anche per favorire la prevenzione del tumore al seno mangiar sano è decisivo. In generale, la prevenzione passa per la riduzione del consumo di grassi animali e l’aumento di legumi, cereali e verdure.

Ecco alcuni alimenti amici delle donne e nemici del tumore al seno:
1. Ortaggi a foglia, sia cotti che crudi, come spinaci, cicoria, bietola e lattuga.
2. Cereali che, oltre a essere fonte di fibra, sono “energia allo stato puro”: pasta, riso, orzo, farro, ecc. (meglio se integrali) non devono mai mancare sulla vostra tavola.
3. Grassi vegetali come olio d’oliva extravergine, da usare come condimento ai piatti.

Gli alimenti che invece andrebbero evitati o ridotti in maniera drastica sono:
1. Carne rossa e salumi, da poter sostituire con pesce e legumi.
2. Bevande zuccherate e gasate, da poter sostituire con tè verde.
3. Sale, da poter sostituire con spezie ed erbe aromatiche.

Abitudini
Uno stile di vita sano è un’arma fondamentale nel processo di prevenzione. “Vita sana” vuol dire seguire un regime alimentare corretto, ed effettuare esercizio fisico anche solo per 30 minuti al giorno, ma con regolarità. Lo stress e i ritmi della vita quotidiana spesso sono degli ostacoli all’attività fisica; per questo, vogliamo suggerirvi alcune soluzioni che non sostituiscono l’esercizio fisico vero e proprio, ma che sono comunque utili al benessere:

1. Quando possibile, evitate di prendere l’auto e muovetevi a piedi o in bici, farete del bene a voi e all’ambiente.
2. Salite sempre le scale a piedi.
3. Fate giardinaggio, perché stare in ginocchio, scavare o zappettare può farvi bruciare fino 400 calorie all’ora.
4. Fate esercizi alla scrivania, come gli addominali da seduti (basta non poggiare la schiena allo schienale, stendere le gambe a 20 cm dal suolo, restare in questa posizione per 20 secondi e ripetere l’operazione).
5. Ritagliatevi mezz’ora al giorno per una passeggiata a passo alto, vi farà bene al corpo e allo spirito.
6. Approfondite la conoscenza del “Sit & Fit”, il fitness da seduti inventato da Andy Pratt, il papà dello spinning.
Ricordiamo che questi suggerimenti sono utili per chi non può fare un’attività regolare.

Controlli periodici
Un aspetto molto importante da considerare nelle abitudini da prendere per prevenire il tumore al seno è l’effettuare dei controlli medici periodici. A che tipo di controlli sottoporsi e quando dipende dalla vostra età:

1. Dai 25 ai 40 anni autopalpazione del seno (dopo ogni ciclo mestruale), visita senologica ed ecografia mammaria, secondo le indicazioni del medico.
2. Oltre i 40 anni autopalpazione del seno (dopo ogni ciclo mestruale), visita senologica, mammografia ed ecografia mammaria, ogni 1-2 anni fino ai 50 anni, ogni anno dopo i 50.

La prevenzione del tumore al seno è un processo fatto di tante piccole cose, piccole sì, ma dall’immenso valore.